RITMìA in "L'arte dei bambini, una favola di Pace"

un seminario alla Casa delle Arti e del Gioco
(Editoriale tratto dal Sito di Mario Lodi)

Sabato 6 e domenica 7 febbraio 2010 la Casa delle Arti e del Gioco ha ospitato lo staff di Ritmìa in "L'ARTE DEI BAMBINI - UNA FAVOLA DI PACE". Un weekend intenso di letture, canti, movimenti, musiche, arabeschi e colori sotto la sapiente guida di Sonia Simonazzi, ideatrice e anima di Ritmìa, affiancata nell’occasione da Jorquelina Casajus per la parte grafico-pittorica.

Nei due giorni del corso di formazione, abbiamo riunito insieme tante personalità diverse unificando in un’operazione corale il senso della pace narrata per mezzo delle favole. Al riguardo ospito l’opinione dell’insegnante Pierguido Asinari, ideatore e curatore degli aspetti organizzativi dell’incontro: “Sono stati due giorni suggeriti dalle Favole di pace di Mario Lodi, che Sonia ha scomposto e ricomposto integrandole con la propria attività. L’incontro fra il maestro e Ritmìa risale alla giornata di studio 'LA MUSICA INTORNO AI BAMBINI' dell’ottobre scorso. In quell’occasione avevamo potuto apprezzare e godere questo nuovo modo di fare musica. Anche in quest’ultimo appuntamento abbiamo potuto confermare tutto quanto di positivo si era già detto in precedenza.
    'Ritmia è un’esperienza unica per chi vi partecipa: nel suo genere, verrebbe da dire, ma di genere non si può parlare perché Ritmia fa genere a sé. Un’esperienza sensoriale che coinvolge tutto il corpo. Ogni gesto, anche il più piccolo, è portatore di un significato simbolico, e tutto converge verso la musica, nei suoi elementi fondamentali. La competenza di Sonia in materia è indiscussa, nulla è lasciato al caso, e i parametri del suono sono interiorizzati dai partecipanti in modo spontaneo, naturale, resi comprensibili perché vissuti prima con il corpo. Le indicazioni sono precise, l’attenzione alla corretta terminologia è alta (tempo e ritmo non sono la stessa cosa, è bene saperlo) e, dopo due giorni i partecipanti, che nella quasi totalità erano privi di competenze specifiche, hanno saputo distinguere, comprendere ed esprimere il suono nelle sue caratteristiche fondamentali.
Il maestro Mario Lodi ha intervallato i vari momenti con le sue riflessioni, interagendo con i corsisti sui temi presentati di volta in volta, spiegando le sue favole, raccontando come sono nate, offrendo come sempre la sua saggezza, distribuendo consigli di insegnamento e di vita, concedendosi, infine, per le foto ricordo. Momenti intensi che i partecipanti hanno vissuto con energia, con la voglia di mettersi in gioco, di sperimentare con il proprio corpo, e alla fine negli occhi di tutti c’era stanchezza. Una gioiosa, appagata stanchezza'”.

Io sono convinto che tutta la ricchezza interiore e la competenza professionale che Simonazzi e lo staff di Ritmìa possiedono debbano entrare nella scuola italiana per farla finalmente cantare, giocare, pensare e pitturare nella felicità creativa.

Mario Lodi